Consigli e informazioni per nuovi freelance

Decidere di lavorare come libero professionista (autónomo, in spagnolo) è un passo importante e spesso non si è del tutto coscienti di che significa smettere di essere un dipendente ed essere il capo di se stessi (e del proprio tempo).

Prima comunque di compiere questo passo è importante tenere a mente alcuni fattori. Bisogna essere coscienti che disponiamo di un’abilità che qualcun altro necessita, poiché se non esiste domanda per il servizio che offriamo, non potremmo vivere di questo. L’uso di strumenti o piattaforme web possono essere efficaci per trovare lavoro, ed inoltre, serviranno per farti conoscere tra i tuoi concorrenti.

Quando devono realizzare un progetto, molte aziende o clienti saranno più prudenti quando si tratterà di pagare: avere una buona gestione nell’organizzazione dei progetti è importante. In molte occasioni alcuni clienti saranno morosi, quindi la scelta del cliente è un aspetto fondamentale. Attualmente ci sono piattaforme online per lavoratori freelance e per l’outsourcing di progetti che non solo offrono la possibilità di realizzare progetti freelance, ma che garantiscono anche i pagamenti tramite un sistema safePay.

Quando si inizia, è inoltre importante realizzare offerte la minor prezzo possibile, poiché così otterremo più progetti da sviluppare, e quando avremo una reputazione solida e consolidata, con un buon portfolio, i progetti grandi (e meglio pagati) verranno da sé. L’idea non è quella di guadagnare molto denaro sin dall’inizio, ma di ottenere esperienza che presto ci permetterà di aumentare le tariffe.

Il tema dell’organizzazione e della pianificazione è altrettanto importante. È necessario per realizzare progetti a medio-lungo termine e per assicurarci una crescita costante. I nuovi freelance devono essere in grado di pianificare il proprio tempo, non basta essere capaci nel proprio lavoro. C’è una forte tentazione ad essere troppo ambiziosi, soprattutto rispetto al tempo, si pensa che se ne avrà di più rispetto a quando lavoravamo come dipendenti, ma spesso la realtà è che si lavora di più!

L’uso del marketing è altrettanto importante. Molte persone investono molto denaro in marketing e pubblicità, come ad esempio i banner, pero spesso questi hanno un impatto davvero minimo. Per esperienza, posso dire che il miglior modo di farsi pubblicità è attraverso la raccomandazione di altri clienti, ovviamente soddisfatti. Per questa ragione disporre di un blog abbastanza interessante e attraente per i clienti può rivelarsi determinante, per esempio per dimostrarsi esperti in una materia.

Infine vorrei trattare un dubbio abbastanza frequente. Per fatturare in Spagna bisogna mettersi in regola come libero professionista (darsi “de alta” como “autónomo” presso Hacienda), ma bisogna tenere in conto che questo è necessario solo qualora si fatturino più di 3.000 euro all’anno.

Spero che questi consigli per nuovi freelance vi siano sembrati utili, se così fosse… condividete con i vostri contatti! Articolo tradotto e adattato.


Lavoro in Spagna Questo post è state create nella categoria Articoli con i tag . Vi ricordo che per candidarsi all'offerta di lavoro per Consigli e informazioni per nuovi freelance è necessario seguire il link in "fonte". Se ti ha interessato questa offerta di lavoro e vuoi seguire Lavoro In Spagna, puoi ricevere gli aggiornamenti e altri contenuti inediti tramite Facebook, Twitter e feed RSS.