Disoccupazione e crisi in Spagna, i nuovi dati

Un totale di 4.910.200 disoccupati. Così tanto per la marea di disoccupazione, determinato a cancellare ogni precedente. Il nuovo picco è stato raggiunto all’inizio dell’anno, dopo aver aggiunto 213.500 disoccupati tra gennaio e marzo. Poiché il governo ha sostenuto, non ha raggiunto i cinque milioni di disoccupati, ma solo perché ne seguì lo scoraggiamento e molti rinunciato alla ricerca di lavoro.
Con questo nuovo aumento della disoccupazione, il tasso di disoccupazione in questo vertice rende anche prolungata crisi economica che è durata tre anni, salendo al 21,3% della popolazione. Negli anni novanta del secolo passato registri superiori, ma solo perché la popolazione e il numero di disoccupati è contato in modo diverso. La Banca di Spagna stima che, per gli stessi criteri statistici, questo sarebbe il tasso di disoccupazione più alto della recente storia economica.

Il Labour Force Survey (LFS) del primo trimestre, resi noti ieri dall’Istituto nazionale di statistica, mostra anche un calo significativo del numero di persone con un lavoro, registrando 256.500 minori impiegati. La crisi ha spazzato via 2,4 milioni di posti di lavoro, una misura della loro avidità.

Lo sciopero è un segno che la crisi internazionale ha trovato motivo di mettere radici qui. La Spagna è il paese industrializzato che più contribuiscono al calcolo dei posti di lavoro persi dal 2008. Il confronto con le economie più grande è illuminante: da un lato, la Spagna, con un tasso di disoccupazione che bilancia al 21,3% negli altri, in Germania, il grande vincitore della crisi, con una bassa percentuale di disoccupati a 7 , 1%.

Inoltre, alimentando l’inflazione (3,8% in aprile), la crescita economica è una novità, le vendite non back-consumatore al dettaglio sono diminuite dell’8% rispetto a marzo dello stesso mese del 2010 – e non solo sfiducia lasciando mercati finanziari.

Il governo ha ammesso il colpo di stato che poteva. Prima ha ammesso il fatto di disoccupazione “è stato cattivo o molto cattivo” nelle parole del vice presidente, Alfredo Perez Rubalcaba. Poi ha deciso di provare a risolvere la visione collettiva su quello che verrà. Perché l’esecutivo ritiene che l’ondata di disoccupazione continuano a salire, il primo trimestre è stato “il momento peggiore”. “L’APE imposta un massimo”, ha detto Rubalcaba, “Da qui, una riduzione della disoccupazione”. E tuttavia, ha tutte. “E ‘una previsione rischiosa”, ha ammesso.

“I dati sulla disoccupazione è un fatto storico doloroso”, ha detto il leader del PP, Mariano Rajoy, che ha perso alcuna occasione per affermare che il governo è “incapace di gestire l’economia”.

Un gioco per la previsione ufficiale che il primo trimestre è di solito il peggio per il mercato del lavoro per motivi stagionali (meno lavoro a causa del maltempo, meno consumi delle famiglie dopo le vacanze, il turismo e il commercio al dettaglio). Un’abitudine che non è sfuggita quest’anno, ancor più quando la Settimana Santa, che trascina in posti di lavoro del settore dei servizi, è stata rinviata ad aprile. E ‘quello che aveva anticipato, mese dopo mese, i dati di iscrizione alla previdenza sociale.

Ma in più di un modo, il dato è peggiore del previsto. La crisi ha raggiunto un punto di ebollizione nel primo trimestre del 2009, quando 766.000 posti di lavoro scomparsi in un istante. E solo ha cominciato a diminuire in autunno dello stesso anno: da allora, le perdite di posti di lavoro sono stati passo temperato. Ma ora che il trend è stato spezzato: nel primo trimestre di questo anno hanno perso più posti di lavoro (256.500) rispetto allo stesso periodo del 2010 (251.700). E l’inizio della ripresa si allontana.

La scia di distruzione lasciata da parte l’occupazione nel settore anche notizie preoccupanti. L’industria, dove ci sono i primi segnali di ripresa economica, ha lasciato 82 mila posti di lavoro. Il crollo di un edificio (78.500 posti di lavoro in meno) non ha fine, pur avendo catturato più della metà dei posti di lavoro distrutti dal 2008. Entrambi i settori hanno perso più posti di lavoro nei servizi (74.600), che impiega il 70% di quelli con posti di lavoro in Spagna. In realtà, questo è l’unico settore in cui il numero dei lavoratori è maggiore che un anno fa.

Tra i dipendenti perso più posti di lavoro permanenti (193.400), che il tempo (54 300), un sintomo di perdite di posti di lavoro temporanei, protagonista nella prima fase della crisi ha raggiunto il suo limite. Nel reclutamento c’è un’altra anomalia preoccupante: il numero dei lavoratori part time ha registrato un aumento significativo del tempo di difficoltà (92 mila in più rispetto al trimestre precedente). Ma questo incremento, spinto dal piano del governo di sovvenzionare i contributi previdenziali, coincide con una notevole diminuzione di lavoro a tempo pieno (348 mila in meno). Una indicazione che le imprese sostituire una forma di reclutamento degli altri.

La diminuzione contratti a tempo indeterminato e lavoro a tempo pieno è una perdita di efficacia della riforma del lavoro recente, il ministro del Lavoro, Valeriano Gómez, cercava di nascondere. “Devi aspettare che l’economia a crescere a un ritmo più veloce, ma si vedono alcuni effetti positivi, come l’uso maggiore di promozione contratto di lavoro o riduzione della ERE-tempo”, ha detto dopo il Consiglio Ministri.

In breve, non vi era alcuna cinque milioni di disoccupati, l’ultima barriera psicologica di contenimento che ha afferrato il governo. Ma il governo evitato gettare qualsiasi segno di sollievo. Non quando la crescita della disoccupazione è stato accompagnato da una riduzione della forza lavoro. Per gli esperti, un altro mal di testa: dopo tre anni di crisi, la disperazione di nuovo regno. E molte persone in cerca di smettere di lavorare perché pensano che stanno andando a trovare. All’inizio di quest’anno, la forza lavoro sono diminuite di 42.900 persone, quasi il 70% di questo calo si è concentrato nella popolazione immigrata.

Alcune statistiche mostrano che i confini situazione, per molti, insostenibili. Il numero di famiglie con tutti i membri stand disoccupati a 1,38 milioni di euro. Più di due milioni di persone che sono alla ricerca di lavoro per un anno o più. E la rete di sicurezza comincia a sgretolarsi. Secondo il Ministero del Lavoro, quasi un milione di disoccupati non apprezzano o benefici o di disoccupazione. E con l’adeguamento del disavanzo pubblico come una priorità nell’agenda politica (e dei mercati finanziari), è sempre più improbabile che l’Amministrazione va in suo aiuto.

Articolo originale de El Pais del 30/4/11 tradotto con Google Translate


Lavoro in Spagna Questo post è state create nella categoria Articoli con i tag . Vi ricordo che per candidarsi all'offerta di lavoro per Disoccupazione e crisi in Spagna, i nuovi dati è necessario seguire il link in "fonte". Se ti ha interessato questa offerta di lavoro e vuoi seguire Lavoro In Spagna, puoi ricevere gli aggiornamenti e altri contenuti inediti tramite Facebook, Twitter e feed RSS.