Partita IVA in Spagna

Come promesso, ed in risposta alle richieste ricevute da alcuni di voi, ecco una prima guida che spero possa aiutare chi sta pensando di aprire una partita IVA in Spagna e desidera lavorare come autonomo (ossia come libero professionista) o aprendo un’attività in proprio. Ricordo che la partita IVA in spagnolo è il CIF (Código de identificación fiscal) o NIF (Número de Identificación Fiscal), come da decreto del 2007.

In primo luogo bisognerà registrarsi come libero professionista, ciò implica l’iscrizione alla IAE (Impuesto de Actividades Económicas). Si tratta di un tributo che dev’essere pagato solo dalle società o dalle persone che fatturano una cifra superiore al 1.000.000 di euro. Anche se non dovessi superare questo importo, è comunque obbligatoria l’iscrizione. Per realizzarla bisognerà dirigersi presso la Administración de Hacienda e compilare il modulo corrispondente. Gli impiegati dell’ufficio dovranno informarti su quale sia il modulo corretto, che potrà essere uno dei seguenti: 845, 846, 850 o 851, secondo il tipo di quota (municipale, provinciale o nazionale). Allo stesso tempo dovrai registrarti nell’epigrafe della o delle attività, ottenendo così un numero che indica il tipo di attività lavorativa che si svolge.

Successivamente, per poter aprire partita IVA in Spagna, è necessario registrarsi anche presso il Censo de Hacienda. La dichiarazione censuale è quella che ci permette di dichiarare che abbiamo cominciato un’attività economica. È obbligatorio presentarla, presso la Administración de Hacienda, compilando il modulo 036 o 037, a seconda che il regime che ci corrisponde sia ordinario o semplificato. Inoltre bisognerà scegliere come realizzare il pagamento dell’IRPEF e la dichiarazione trimestrale dell’IVA. Alcune attività sono esenti IVA, se così fosse, non sarà necessario presentare la dichiarazione trimestrale altresì obbligatoria. Per presentare la dichiarazione censuale, bisognerà presentare il proprio DNI (o NIE) e il documento di iscrizione alla IAE.

Infine, ultimo passo per ottenere un numero di partita IVA spagnola, è l’iscrizione nel Régimen de Autónomos de la Seguridad Social. Una volta ottenuto i certificati presso Hacienda, si hanno 30 giorni a disposizione per presentarsi presso la Tesorería de la Seguridad Social e presentare il modulo TA. 0521. Saranno necessarie le copie dei documenti che certificano l’iscrizione presso Hacienda, una copia del DNI o NIE, la tessera di affiliazione alla Seguridad Social e un documento per registrarsi presso la mutua, che ti permetterà di ricevere la prestazione economica (disoccupazione) nei casi previsti dalla legge.

Spero che questa piccola guida sia utile a tutti coloro i quali stanno pensando di lavorare in proprio e vogliano avere maggiori informazioni su come aprire una partita IVA in Spagna.

Attenzione!

Questa offerta di lavoro è scaduta. Torna alla home page o sfoglia le offerte disponibili nelle diverse città spagnole.Ricorda inoltre che per aumentare le tue possibilità di successo è fondamentale disporre di un curriculum vitae impeccabile: traduci adesso il tuo CV in spagnolo!


Lavoro in Spagna Questo post è state create nella categoria Info utili con i tag . Vi ricordo che per candidarsi all'offerta di lavoro per Partita IVA in Spagna è necessario seguire il link in "fonte". Se ti ha interessato questa offerta di lavoro e vuoi seguire Lavoro In Spagna, puoi ricevere gli aggiornamenti e altri contenuti inediti tramite Facebook, Twitter e feed RSS.