I giovani occupavano più del 80% dei posti di lavoro persi

Ben oltre l’80% dei lavori che sono stati persi a causa della crisi erano realizzati da giovani di età compresa tra i 16 e i 29 anni, questo è il risultato dell’analisi della Commissione Operaia in Spagna. Per la precisione, il numero riguarda l’86% dei 2,2 milioni di posti di lavoro scomparsi dall’inizio della crisi economica in Spagna.

Di questi 2,2 milioni di posti di lavoro, 1,2 erano occupati da uomini e poco meno di 700.000 da donne. Ma il numero più preoccupante è quello relativo al paro (il sussidio di disoccupazione) tra i giovani, che è letteralmente schizzato negli ultimi quattro anni, passando da un 18,19% del 2007 al 46,12% del 2011.

Ecco id seguito la traduzione automatica di un articolo che parla nel dettaglio di questi dati:

86% degli oltre 2,2 milioni di posti di lavoro sono stati persi dallo scoppio della crisi sono state tenute da giovani tra i 16 ei 29 anni e il settore più colpito dal mercato del lavoro debole è stata la costruzione, che ha attirato sei su dieci posti di lavoro distrutti in questo periodo.

Secondo un rapporto CC.OO. sugli sviluppi del mercato del lavoro negli ultimi quattro anni, dal terzo trimestre del 2007, quando la crisi ha cominciato a farsi sentire sul mercato del lavoro fino al secondo trimestre del 2011, l’economia spagnola perso 2.207.600 posti di lavoro. Di questi, 1.908.600 appartenevano a giovani fino ai 29 anni e 1.329.600 si trovavano nel ‘mattone’.

Gli uomini sono stati più colpiti dalla perdita del lavoro dovuta alla crisi. Dei 2,2 milioni di posti di lavoro persi nel corso degli anni un totale di 2,02 milioni sono state tenute da uomini, rispetto alle 184.800 donne che hanno perso il lavoro.

Pertanto, il tasso di occupazione maschile è sceso 13,3 punti rispetto al terzo trimestre del 2007 rispetto ad un taglio di 2,16 punti nel caso del tasso di occupazione femminile.

I giovani sono stati uno dei gruppi che hanno subito la crisi. Dei 1,9 milioni di posti di lavoro sono stati persi nel gruppo di età compresa tra 16 ei 29 anni, 1,2 milioni sono svolte da uomini e 688.600 donne.
La disoccupazione penalizza giovani

Questa tendenza negativa dell’occupazione giovanile si è tradotta in cifre della disoccupazione. Così, il tasso di disoccupazione per i giovani fino a 29 anni è aumentata più che raddoppiato da quando la crisi esplose, passando dal 12,59% nel 2007 a oltre il 34% nel 2011.

“Molto inquietante” è, per CCOO, che tra i giovani dai 16 ai 24 anni il tasso di disoccupazione è passato dal 18,19% al 46,12%.

“Con la crisi, i giovani con qualifiche poco o niente, legati alle aree dove l’occupazione è stato facilmente e senza requisiti molte sono state le più colpite”, sostiene il sindacato.
Basso livello di istruzione e di lavoro temporaneo

Per livello di istruzione, i lavoratori con poca istruzione “sono stati e rimangono i” più colpiti dalla regolazione del lavoro derivante dalla crisi. Infatti, l’83% dei posti di lavoro sono scomparsi negli ultimi anni, vale a dire 1,8 milioni, sono stati occupati dai lavoratori il cui livello di istruzione corrispondente alla prima fase di istruzione secondaria o meno.

La maggior parte dei posti di lavoro distrutti negli ultimi anni è stata temporanea, che ha portato il tasso ad un temporaneo quasi dieci punti in meno rispetto a prima della crisi. Così, alla fine di giugno di quest’anno, il tasso di occupazione temporanea è pari al 25,5% contro 34,4% a metà del 2006 esiste.

Tassi di temporanea sono stati ridotti sia nel settore pubblico e privato. Nel primi lavori temporanei sono stati tagliati, ma ha aumentato il tempo indeterminato, mentre il secondo è la diminuzione del tasso di declino a causa di temporanea sia l’occupazione temporanea e permanente.
Meno assunzioni

L’unione fa anche questo rapporto un’analisi dei contratti negli ultimi anni. Tra il 2006 e il 2010, il maggior numero annuale dei contratti è stata nel 2007, con oltre 16,4 milioni, poi ha cominciato a diminuire. Tra agosto 2006 e settembre di quest’anno, il calo dell’occupazione pari a 22%.

Fino al 2008, ha registrato contratti a tempo determinato rappresentavano circa l’88% del totale, mentre a partire dal 2009, questa percentuale supera il 91%. Contratti a tempo indeterminato tra il metodo più diffuso è il permanente ordinaria (45 giorni di licenziamento senza giusta causa), che raggiunge il suo massimo record nel 2008 con 876.094 contratti.

Inoltre, come i motivi per cui l’accesso alle prestazioni di disoccupazione, CC.OO. rileva che il maggior numero di disoccupati di accesso ad essi dopo licenziamento senza giusta causa e il licenziamento.

La beneficiari di prestazioni diventano disoccupati dopo un licenziamento da un incremento del 9% tra il 2009 e 20011, mentre quelli da una ridondanza obiettivo è un aumento di 99,6% e gli obiettivi licenziamenti, 48,1% .


Lavoro in Spagna Questo post è state create nella categoria Articoli con i tag . Vi ricordo che per candidarsi all'offerta di lavoro per I giovani occupavano più del 80% dei posti di lavoro persi è necessario seguire il link in "fonte". Se ti ha interessato questa offerta di lavoro e vuoi seguire Lavoro In Spagna, puoi ricevere gli aggiornamenti e altri contenuti inediti tramite Facebook, Twitter e feed RSS.